Guillermo Vilas esegue il "Gran Willy"
Guillermo Vilas esegue il "Gran Willy"

Il Gran Willy vide la luce sulla terra rossa di Indianapolis quando in Europa era la notte fonda dell’11 agosto 1975: ad assistere al parto lo spagnolo Manuel Orantes, vincitore del torneo e, ironia della sorte, bestia nera del partoriente Guillermo Vilas.

In realtà, più che di un vero e proprio parto si trattò della prima “uscita ufficiale” del Gran Willy, concepito originariamente dallo stesso Vilas un anno addietro sul campo del Club Obras Sanitarias di Buenos Aires durante un match di esibizione contro il francese Wanar N’Godrella.

Vilas sostiene di essersi ispirato al grande giocatore di polo Juan Carlos Harriott, anche lui argentino, che in uno spot televisivo del whiskey Old Smuggler eseguiva un colpo simile tra le zampe posteriori del cavallo. Decise che anche lui avrebbe potuto provarci: a fondo campo, spalle alla rete, un colpo secco a impattare la pallina a mezz’aria tra le gambe. Un tiro da ultima spiagga, la risorsa finale di un tennista al disperato inseguimento della pallina che, non potendo più eseguire un colpo frontale, prova a cogliere impreparato l’avversario ormai sicuro della conquista del punto con un buon passante ((Eseguendo il colpo si può ottenere anche un lob quasi sempre decisivo. Si veda, ad esempio, http://www.youtube.com/watch?v=qKnmpcywFA0)).

Nonostante col passare degli anni abbia perso quell’aurea di esclusività e di “trasgressione” che lo caratterizzò per tutti gli anni ’70, a causa anche del grande numero di tennisti che l’hanno eseguito, ancora oggi il Gran Willy attira gli applausi entusiasti del pubblico che premia ogni sua comparsa con ammirazione e sincero entusiasmo.

(Christian Tugnoli)

1 COMMENT

  1. Grazie per questa storia. Divento furiosa quando i presunti esperti di tenni di Sky danno a questo movimento altri nomi, che ora non ricordo, senza sapere da dove sia nato.
    All’autore suggerisco di fare avere questo testo in redazione da Sky!!!!

Comments are closed.