La squadra di rugby statunitense alle Olimpiadi del 1920. Carroll è il quinto della seconda fila.
La squadra di rugby statunitense alle Olimpiadi del 1920. Carroll è il quinto della seconda fila.

In sole quattro edizioni del torneo di rugby ai Giochi Olimpici, è successo: un rugbista è riuscito a vincere due medaglie d’oro (ben il 50% delle medaglie d’oro in palio!) rappresentando, per di più, due nazioni diverse.

Dan Carroll, australiano di Melbourne, ha solo 16 anni quando prende parte al torneo olimpico di rugby nel 1908 con l’Australasia, una rappresentativa combinata di Australia e Nuova Zelanda, e diventa il più giovane rugbista ad aver vinto una manifestazione internazionale. Quattro anni più tardi prende parte ad una tournée degli australiani in terra statunitense e decide di rimanere nella West Coast, iscrivendosi all’Università di Stanford. Sprinter eccezionale, gli australiani cercarono di sfruttare questa sua dote facendolo giocare tre quarti centro, ma alle Olimpiadi del 1920 è lo stesso Carroll, in qualità di allenatore/giocatore, a spostarsi mediano di mischia per avere una visuale tattica migliore.

Bissa così l’oro olimpico giocando con due nazionali diverse (Australasia e Stati Uniti), in due ruoli diversi (tre quarti centro e mediano di mischia), con due incarichi diversi in seno alla squadra (giocatore e allenatore/giocatore), a distanza di 12 anni l’una dall’altra.

(Christian Tugnoli)